Intolleranza al lattosio

Farmacia Cadeddu

L'intolleranza al lattosio è una condizione che non permette all’organismo di digerire completamente lo zucchero presente nel latte e nei suoi derivati; è nota anche come deficit di lattasi, un enzima prodotto dalle cellule dell’intestino tenue che, scindendo il lattosio in glucosio e galattosio, ne permette l’assorbimento. Carenze di lattasi fanno sì che il lattosio arrivi fino nel colon, dove interagisce con i batteri dell’intestino dando luogo ai problemi intestinali tipici dell’intolleranza.

I sintomi, più o meno gravi, tipici dell’intolleranza al lattosio sono crampi e gonfiore addominale, irregolarità intestinale, diarrea e flatulenza.

E' possibile individuare l'intolleranza al lattosio con una semplice indagine, detta test del respiro o breath test, che si effettua mediante l’analisi di campioni di aria espirata.

L’intolleranza al lattosio, frequente in Italia e generalmente ereditaria, esiste in tre forme: congenita, acquisita e genetica.

La forma congenita è generata dal deficit di produzione della lattasi. Si può manifestare nel bambino con lo svezzamento oppure più tardivamente nell’adulto a causa della riduzione progressiva della produzione della lattasi.

La forma acquisita è invece secondaria ad altre patologie intestinali (celiachia, morbo di Crohn, linfomi, enteriti attiniche, sindrome dell’intestino irritabile). Si tratta di una forma transitoria che si risolve nel momento in cui si ha la guarigione della malattia responsabile.

La terza forma, molto rara, è di origine genetica (si manifesta sin dalla nascita) con un’ incapacità permanente di produrre la lattasi funzionale e persiste tutta la vita. E' individuabile tramite un test genetico.

A seconda della forma di intolleranza, è necessario escludere dalla dieta tutti gli alimenti contenenti lattosio fino ad ottenere la remissione completa dei sintomi e la ripresa della normale funzionalità intestinale. In caso di intolleranza al lattosio secondaria transitoria, passato un primo periodo, si possono reintrodurre nella dieta bassi quantitativi di lattosio, valutando la reazione dell'organismo; infatti rinunciare indiscriminatamente a tutti gli alimenti contenenti lattosio potrebbe portare ad un carenza di calcio nella dieta, con i rischi che questo comporta. Se intolleranti in forma genetica, gli alimenti contenenti lattosio devono essere esclusi dalla dieta in modo permanente.

Dal momento che il lattosio viene spesso utilizzato negli alimenti come conservante, addensante e stabilizzante, e in molti farmaci, integratori alimentari e omeopatici, come eccipiente, bisogna sempre leggere attentamente la loro composizione per evitare l’introduzione accidentale di quote di lattosio.

In commercio esistono vari tipi di integratori di lattasi, che non sono curativi, ma devono essere assunti poco prima dei pasti in cui si sospetta possa essere presente lattosio, introducendo così l’enzima mancante per neutralizzare o ridurre i sintomi (proporzionalmente ai quantitativi presunti).

Per maggiori informazioni potete seguirci sui nostri canali digitali di informazione, contattarci al nostro numero whatsapp e, per rimanere sempre aggiornati sulle novità, sugli eventi e sulle promozioni della tua Farmacia, potete iscrivervi subito alla nostra newsletter!

A presto!!